Chanchamayo

Caffè Macinato Alto Palomar

E’ il caffè macinato per moka Caffè Perù, Cooperativa Agraria Cafetalera Ecologica Alto Palomar, un monorigine 100% coffea arabica, origine Junin Chanchamayo (Perù) di Mondicaffè.

Nasce nella parte peruviana del bacino del Rio delle Amazzoni ad una altitudine di 1200-1800m s.l.m.  dove 140 piccolissimi produttori di caffè hanno formato una piccola comunità distaccata geograficamente dal resto del mondo, del tutto autosufficiente.

Seguono tecniche di lavorazione previste dal protocollo che garantisce le certificazioni di caffè biologico, CSC e Fairtrade.

I principi alla base della produzione di questo caffè, varietà Caturra e Typica, sono il recupero della biodiversità, la conservazione dell’ecosistema forestale, la lotta alla deforestazione, il miglioramento della qualità del suolo, la non contaminazione dell’acqua e l’impiego di soli fertilizzanti organici.

Il caffè viene raccolto e lavorato nel rispetto dei valori etnici, sociali, etici e ambientali dell’area di produzione e della sua popolazione.

Il frutto giunto a maturazione viene lavorato con il metodo “lavato” che prevede la spolatura delle ciliegie e l’immersione dei chicchi in acqua per eliminare il residuo di mucillagine e sottoporle all'asciugatura.

Giunti nella torrefazione, i chicchi vengono prima tostati e poi raffreddati ad aria seguendo l'arte, l'esperienza e la qualificata tecnologia di Mondicaffè, una tecnologia che permette di adeguare il profilo di cottura del chicco alle sue specificità al fine di esaltarne il gusto e le proprietà organolettiche. 

Il Caffè Macinato Alto Palomar regala un caffè perfettamente bilanciato tra dolcezza, acidità delicata e corpo rotondo, con note sensoriali di miele, cacao e mandorla tostata. 

Prodotto spedito tutti i giorni.
€ 11,90/pz
Al momento non disponibile
Share on
Caffè Macinato Alto Palomar - fronte
Caffè Macinato Alto Palomar
MondiCaffè
Scopri altri prodotti di MondiCaffè
Cos'è il cibo autentico?
Foodoteka
Foodoteka news
Sei interessato al cibo autentico, buono, sano e genuino?