Le cipolline in agrodolce vendute online da Foodoteka Foodoteka

Cipolline in Agrodolce: una Ricetta della Nonna tutta da Gustare

di Ilaria
07-07-2021

Le cipolline in agrodolce sono un vero must della cucina italiana, dal profumo inconfondibile fanno parte del patrimonio agroalimentare di molte regioni della penisola.

Una ricetta davvero apprezzata per il suo sapore dai toni variegati, che lega in un delizioso accordo, il gusto agro e leggermente acidulo dell'aceto al dolce dello zucchero (o del miele).

Un piatto dall'infinita bontà che per molti è semplicemente un contorno, ma in realtà è espressione di una vera e propria arte.

Ma come si fanno le vere cipolline in agrodolce? Esistono dei segreti tramandati dai nostri nonni? Scopriamolo assieme, rimarrai sorpreso di come un piatto così buono ed amato sia altrettanto semplice e veloce da preparare.

 

Indice Articolo

Cipolline Borettane in Agrodolce
Calorie e Valori Nutrizionali delle Cipolline in Agrodolce
Cipolline Caramellate e Cipolline in Agrodolce con Aceto Balsamico
Cipolline in Agrodolce: la Ricetta della Nonna
Cipolline in Agrodolce in Conserva e Cipolline sotto Aceto
Cipolline in Agrodolce Ricetta Veloce
Cipolline in Agrodolce Online

Cipolline Borettane in Agrodolce

Le cipolline borettane sono conosciute in tutta Italia e devono il loro nome, con molta probabilità, al luogo in cui originariamente venivano coltivate, ovvero la località di Boretto, in provincia di Reggio Emilia. Oggi sono diffuse anche nelle provincie di Parma, in alcune aree dell'Emilia e nella parte sud del Veneto. Questa varietà di cipolla ha caratteristiche particolari in quanto, rispetto alle cipolle più comuni, è di dimensioni più piccole, ha una forma tipica leggermente schiacciata, ha un profumo meno forte rispetto alle varietà più comuni ed un sapore più dolce e delicato.

È una cipollina che desidera attenzione nella coltivazione: predilige i terreni ricchi di sostanze nutritive, asciutti; l'irrigazione deve essere fatta con cura e prestando attenzione ad irrorare la giusta quantità d'acqua al terreno. La raccolta, nelle piccole aziende agricole, è manuale e viene fatta quando le foglie iniziano ad incurvasi verso terra e ad ingiallire. Sono segnali che evidenziano la raggiunta maturazione del frutto che è pronto per essere delicatamente raccolto prestando attenzione a non arrecare danni al terreno circostante.

La ricetta più tradizionale per preparare deliziose cipolline è in agrodolce. Potranno essere proposte sia per arricchire un aperitivo che per completare, come contorno, un secondo piatto di carne o di pesce. 

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 grammi di cipolline borettane;
  • 2/3 cucchiai da minestra di aceto di mele;
  • 2 cucchiai di olio evo di ottima qualità;
  • 15 grammi di zucchero di canna;
  • 1 chiodo di garofano;
  • pepe e sale quanto basta;
  • mezzo bicchiere di acqua.

Per la preparazione, pulisci le cipolline privandole della buccia, lavale ed asciugale.

Fai scaldare in una padella l'olio evo e unisci le cipolline. Aggiungi il chiodo di garofano e fai dorare le cipolline, a fuoco piuttosto alto, per alcuni minuti. Contemporaneamente, in un piccolo contenitore, unisci l'acqua, l'aceto di mele, lo zucchero e il pepe. Amalgama i liquidi, versali nella padella con le cipolline e regola il fuoco in in modo tale che riprendano a bollire. Il liquido può essere aggiunto anche gradualmente: è importante che il fuoco sia lento, così come la bollitura, che la padella venga chiusa con un coperchio, che le cipolline vengano, di tanto in tanto, mescolate e si presti attenzione a non farle attaccare al fondo della padella. Generalmente la cottura avviene in 20-25 min. ma è sempre necessario controllarla perché dipende anche dalla dimensione delle cipolline.

Quando le cipolline sono abbastanza dorate, morbide ma che non si sfaldano, sono cotte. Consigliamo di aggiungere un pizzico di sale e di farle rosolare ancora un minuto a fuoco forte.

Elimina il chiodo di garofano, servile in tavola non appena si sono lievemente raffreddate.

Le cipolline così preparate possono essere conservate in frigo, in un vassoio coperto con pellicola trasparente o in un contenitore con chiusura ermetica e utilizzate entro qualche giorno. Per questo, oltre ad essere buone, sono molto comode perché possono essere preparate in anticipo rispetto a quando vengono consumate. Tolte dal frigo, prima di servirle si consiglia di riportarle a temperatura ambiente e, se si desiderano più calde, possiamo riscaldarle in padella o passarle qualche secondo nel forno a microonde.

La stessa ricetta può essere eseguita utilizzando, al posto dell'aceto di mele, un aceto balsamico I.G.P. oppure un aceto di vino, preferibilmente bianco.

 

Calorie e Valori Nutrizionali delle Cipolline Borettane in Agrodolce

Le cipolline borettane sono davvero un'eccellenza alimentare italiana, tanto amate da essere esportate in tutto il mondo.

Si tratta di un ortaggio molto versatile in quanto può essere consumato crudo o cotto, ed è anche ricco proprietà benefiche.
In esse, infatti, sono presenti antibiotici naturali, sostanze diuretiche e una sostanza davvero importante per l'organismo, la quercetina, ricca di proprietà antiossidanti ed anti-infiammatorie.

Se cucinate in agrodolce, le cipolline borettane, che assumono un sapore delizioso, hanno un apporto calorico superiore rispetto ad altre ricette, per la presenza di zucchero tra gli ingredienti, ma sempre accettabile in qualunque dieta.

I Valori Nutrizionali delle cipolline borettane in agrodolce, per 100 gr, variano in base alla ricetta con cui si preparano ma, indicativamente, possiamo prendere come riferimento i seguenti valori:

Energia: 33 kcal
Grassi: 0,30 gr di cui Grassi Saturi 0
Carboidrati: 6,70 gr
Proteine: 0,70gr

Cipolline Caramellate e Cipolline in Agrodolce con Aceto Balsamico 

Hai mai assaggiato le cipolline caramellate? Se la risposta è sì, di certo ne avrai apprezzato l'incredibile bontà.

Le cipolline caramellate sono molto simili alle cipolline in agrodolce tanto che, secondo noi, la differenza principale è relativa alle proporzioni di zucchero e aceto utilizzate che, tra l'altro, sono molto soggettive e legate al gusto personale.

Le modalità di preparazione sono molteplici, noi vi suggeriamo una nostra ricetta che ha riscontrato un buon successo.

Come ingredienti di riferimento possono essere presi quelli che abbiamo indicato nella ricetta relativa alle cipolline borettane in agrodolce, sopra illustrata, con l'avvertenza che, in questo caso, consigliamo l'utilizzo di un aceto balsamico di Modena I.G.P., meglio se un pò invecchiato e comunque, per ottenere una pietanza più deliziosa, un aceto di qualità. La procedura che seguiamo nella preparazione è leggermente diversa rispetto a quella vista per le cipolline in agrodolce. 

Come prima cosa decidi quale varietà di cipolla vuoi utilizzare perché le cipolline caramellate possono essere preparate con le borettane ma anche con la cipolla di Tropea, la cipolla ramata di Montoro ed altre varietà di cipolla.

Se non usi le cipolline borettane, che sono naturalmente meno forti, sia come profumo che come sapore, dopo aver tolto la buccia e tagliato la cipolla a fettine, lasciale in ammollo, per una ventina di minuti in una bacinella di acqua, per mitigare l'odore e il sapore.

Presta anche attenzione a tagliare le cipolle nella dimensione giusta. In base a quanto sono grandi, puoi dividerle a metà, farle a fettine, più o meno dello stesso spessore per regolare meglio la cottura, o puoi lasciarle intere se sono della varietà borettana.

Quando la cipolla o le cipolline sono pronte, asciugale con un panno in cotone e ponile in una padella in cui hai già aggiunto l'olio extravergine di oliva.

Fai appassire e dorare le cipolle a fuoco medio, coperte, mescolandole di tanto in tanto e prestando attenzione a che non si brucino e non si attacchino alla padella. Quando vedi che sono appassite e dorate, sfumale con l'aceto balsamico di Modena I.G.P. e fai in modo che lo assorbano in maniera omogenea: lascialo evaporare senza coperchio. Aggiungi lo zucchero di canna e continua a mescolare, con un mestolo in legno, le cipolle per fare in modo che lo zucchero si trasformi in delicato caramello.

Generalmente in 6/7 min. il caramello si forma e le cipolline caramellate sono pronte per essere servite.

Ricetta Cipolline Caramellate

Interessante notare come le cipolline si possano caramellare anche con il miele, sostituendo lo zucchero di canna con il miele, per esempio di castagno, nella quantità pari ad un bel cucchiaio colmo.

Le cipolline caramellate sono utilizzate per lo più come contorno o antipasto ed accompagnano generalmente pietanze come il formaggio o piatti di carne e pesce.

Una volta pronte, anche le cipolline caramellate si possono conservare per qualche giorno in frigorifero a patto che siano ben coperte con la pellicola trasparente o riposte in un contenitore con chiusura ermetica.

Le cipolline in agrodolce con aceto balsamico di Modena I.G.P. si possono preparare con la stessa ricetta delle cipolline caramellate: è sufficiente rivedere le proporzioni tra l'aceto di Modena I.G.P. e lo zucchero o il miele. Se preferisci la versione in agrodolce, riduci lo zucchero o il miele e aumenta la quantità di aceto balsamico e non caramellare a fine cottura ma aggiungi lo zucchero o il miele prima dell'aceto. 

Sarà comunque una preparazione molto facile che ti regalerà una specialità unica, il risultato dei profumi e sapori di una ortaggio di "grande carattere", come la cipolla, e di un prodotto, come l'aceto balsamico di Modena I.G.P., che merita il massimo rispetto.

 

Cipolline in Agrodolce secondo la Ricetta della Nonna

Le cipolline in agrodolce, come abbiamo letto fino ad ora, si possono preparare in diversi modi.
C'è chi predilige la padella, chi il forno, chi le cucina con il bimby, ma la ricetta più tradizionale, quella che ci viene arriva dalla nonna, prevede sicuramente l'utilizzo della pentola o meglio ancora della padella.

Un piatto dal sapore particolare, pieno e avvolgente che ricorda quando un tempo lo si cucinava sulla stufa a legna, con una cottura prolungata e dolce.

Ma pensando alla tradizione, alla cucina delle nonne, alla stufa a legna, ci salta in mente un'altra ricetta che ha come ingrediente di base le cipolline ma che è meno diffusa rispetto alle cipolline in agrodolce. È la ricetta delle cipolline in umido.

Ecco come realizzarla:

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 Kg di cipolline;
  • 1 o 2 cucchiai di salsa di pomodoro;
  • 2 o 3 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • qualche foglia di basilico fresco;
  • sale quanto basta.

Pela le cipolline, lavale, asciugale e falle rosolare in un tegame con l'olio. Aggiungi la salsa di pomodoro e lasciale cuocere, a fuoco medio, fino a quando la cottura non è completata. Mescola di tanto in tanto con un mestolo in legno.

Poco prima di toglierle dal fuoco, aggiungi con le foglie di basilico fresco sminuzzate finemente ed aggiusta il sale. Servi il contorno ben caldo.

Scoprirai una delizia per il palato che profuma di casa, ti profuma la casa e ti riporta in dietro nel tempo.


Le Cipolline in Agrodolce in Conserva e le Cipolline Sotto Aceto

Le cipolline sono ideali anche in conserva e anche loro sono abbastanza semplici da preparare.

Seguendo queste specifiche preparazioni si possono conservare in dispensa per un periodo più o meno lungo in modo da poterle utilizzare al bisogno e durante tutto l'anno.

Anche in questo caso la procedura che dovrai seguire sarà davvero elementare e potrai preparare una conserva di cipolline in agrodolce oppure una conserva di cipolline sott'aceto.

Vediamo meglio le due ricette:

Conserva di cipolline in agrodolce

Ingredienti:

  • 1 Kg di cipolline;
  • 500 ml di aceto di vino bianco;
  • 500 ml di acqua;
  • 200 zucchero di canna o raffinato;
  • 3/4 foglie di alloro;
  • un cucchiaio di sale in grani.

Per la preparazione, inizia sterilizzando i vasetti che andrai ad utilizzare. Fai cuocere le cipolline in una pentola assieme a zucchero, sale, aceto, alloro e acqua. Scola le cipolline non appena saranno cotte (ma non gettare il liquido di cottura) e asciugale con un canovaccio pulito. Sistemale nei barattoli di vetro ricoprendole con il liquido di cottura, riempiendo i barattoli quasi fino all'orlo. Capovolgi poi i barattoli per avere il sottovuoto e lasciali così fino al completo raffreddamento.

Le cipolline in agrodolce da conservare saranno pronte al consumo dopo 30 giorni dalla preparazione.

Conserva di cipolline sott'aceto

Ingredienti:

  • 1 Kg di cipolline;
  • aceto di vino bianco;
  • 2 spicchi di aglio;
  • 5/6 foglie di alloro;
  • 1 chiodo di garofano;
  • 1 pezzettino di cannella;
  • olio extravergine di oliva;
  • sale e pepe in grani.

Pulisci le cipolline e scottale in acqua bollente salata; scolale e trasferiscile in un'altra casseruola con circa 500ml di aceto di vino bianco allungato con un pò di acqua ed aggiungi gli spicchi di aglio, 2 foglie di alloro, un bel pizzico di sale qualche grano di pepe, il chiodo di garofano e il pezzettino di cannella. Lascia cuocere, facendo bollire lentamente il tutto, per una decina di minuti. Scola le cipolline e sistemale nei barattoli precedentemente sterilizzati.

Fai bollire l'altro aceto nella quantità che ritieni necessaria per coprire le cipolline poste nei vasetti, lascialo raffreddare, unisci le restanti foglie di alloro, qualche grano di pepe e lascia insaporire il liquido per 2-3 ore.

Copri le cipolline che avevi messo nei vasetti con il liquido che hai preparato. Aggiungi l'olio extravergine di oliva per sigillare la preparazione e chiudi bene i barattoli.

 

Cipolline in Agrodolce, il Vantaggio di una Ricetta Veloce

Quella delle cipolline in agrodolce è una ricetta veloce e semplicissima da realizzare in casa, ideale per deliziare il palato di ospiti e di tutta la famiglia.
Come abbiamo visto nelle varie tipologie di ricette gli ingredienti di cui avrai bisogno sono sempre più o meno gli stessi, a seconda della variante scelta.

In generale preparare le cipolline in agrodolce è una ricetta veloce, i tempi di cottura possono essere più o meno brevi a seconda della grandezza delle cipolline utilizzate.

Se quelle più piccole, difatti, saranno cotte in minor tempo, dovrai considerare qualche minuto in più per quelle più grandi. L'esperienza, comunque, ti aiuterà a preparare delle cipolline in agrodolce sempre più buone e cotte al punto giusto.

Un'altra ricetta veloce che ci piace suggerirti, anche questa meno diffusa rispetto a quella delle cipolline in agrodolce, è la ricetta delle cipolline ai capperi: è inusuale ma, pratica, veloce e molto gustosa.

Gli ingredienti necessari sono:

  • 500gr di cipolline (meglio se borettane);
  • 3 pomodori pelati;
  • 2 cucchiai di salsa di pomodoro;
  • 1 cucchiaio di capperi sotto sale;
  • mezzo cucchiaio di zucchero di canna;
  • 2 cucchiaini di aceto di mele
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 mazzettino di prezzemolo fresco;
  • sale quanto basta.

Immergi le cipolline in acqua bollente salata e lasciale cuocere per un paio di minuti. Scolale, lasciale raffreddare e togli la loro buccia.
Poni le cipolline in un tegame con i pomodori pelati, grossolanamente spezzati, i capperi sciacquati in un colino sotto l'acqua fredda corrente, la salsa di pomodoro, lo zucchero, l'aceto e l'olio.
Metti il tegame sul fuoco, copri con un coperchio e lascia cuocere per cinque minuti aggiungendo il prezzemolo quando le togli dal fuoco.

Sporzionale e servile in un piatto da portata non appena si sono leggermente raffreddate.


Cipolline in Agrodolce Online

Le cipolline, siano esse borettane o di altra varietà si prestano a molteplici preparazioni sia se vogliamo consumarle fresche sia che si gradiscano in conserva. Tutte le preparazioni sono abbastanza elementari e veloci. Se proprio non abbiamo tempo a disposizione oppure si vuole dedicare il nostro tempo libero ad un nostro hobby e preferiamo non cucinare, così come altri alimenti, possiamo acquistarle.

Acquistare cipolline in agrodolce online è sicuramente una comodità perché permette di scegliere tra una vasta offerta di prodotti e poterli ricevere direttamente a casa.

Nel web e nei supermercati si possono trovare conserve e barattoli di cipolline in agrodolce di numerose aziende ma il plusvalore della rete è rendere più accessibile e facile l'acquisto di prodotti artigianali, spesso coltivati direttamente da chi li lavora e che si trova nel luogo più vocato per quella specifica coltivazione. Il segreto della bontà delle conserve di verdura e quindi anche delle cipolline in agrodolce risiede nel coltivarle non intensivamente ma in agricoltura sostenibile, raccoglierle al giusto livello di maturazione e lavorarle subito dopo la raccolta con soli ingredienti di elevata qualità, senza aggiungere conservanti e /o additivi non naturali.

Oggi, grazie al web, si possono acquistare online ottime conserve artigianali di cipolline in agrodolce ricevendole direttamente a casa.
Noi di Foodoteka abbiamo selezionato solo conserve prodotte con cipolline fresche appena raccolte, lavorate artigianalmente, senza conservanti e con l'impiego di ingredienti di ottima qualità. 

Nella nostra selezione sono presenti anche conserve di cipolline e peperoni in agrodolce, ma puoi trovare anche l'asparago bianco di Bassano al naturale così come il radicchio rosso tardivo in agrodolce o la giardiniera della tradizione in agrodolce.

C'è solo l'imbarazzo per la scelta, per cui non ci resta altro che augurarti buon appetito!

Articoli correlati
Foodoteka
Foodoteka news
Sei interessato al cibo autentico, buono, sano e genuino?